Il passaporto e Schengen

L’espressione ricorrente «Schengen/Dublino» si riferisce a due accordi conclusi fra gli Stati dell’UE in queste due località. Per agevolare la libertà di viaggio, alle frontiere fra gli Stati Schengen non si eseguono controlli sistematici delle persone. La sicurezza è stata invece rafforzata, intensificando i controlli alle frontiere esterne dello spazio Schengen e la cooperazione in materia giudiziaria e di polizia, tra l’altro con l’ausilio del Sistema d’informazione di Schengen (SIS). Anche il passaporto elettronico contribuisce a rafforzare la sicurezza.

L’accordo di Dublino stabilisce quale Paese ê responsabile del trattamento di una richiesta d’asilo. In questo modo s’intendono prevenire le richieste multiple e sgravare i sistemi d’asilo nazionali.

Dall’agosto 2006 gli Stati Schengen possono rilasciare soltanto passaporti biometrici. Il pertinente regolamento CE sui documenti d’identità è rilevante anche per la Svizzera in quanto Stato associato a Schengen.  

schengen-karte-i.jpg

schengen-karte-i.jpg (800 x 589) Spazio Schengen