Passaporto biometrico e sicurezza dei dati

Una donna registra le sue impronte digitali per il passaporto svizzero
(Foto: Keystone/Arno Balzarini)

Dal marzo 2010 vengono rilasciati esclusivamente passaporti biometrici. Sono dotati di un microchip contenente la registrazione elettronica delle impronte digitali e dell’immagine del viso. Tali dati proteggono il documento d’identità rendendo difficili eventuali abusi.

Nell’ambito dell’associazione della Svizzera agli accordi di Schengen e Dublino, il passaporto biometrico fa parte di tutta una serie di strumenti che agevolano la cooperazione tra il nostro Paese e gli Stati partner europei.

I vostri dati sono registrati sul microchip che è inserito nella copertina anteriore del passaporto. I dati contenuti non possono essere modificati senza lasciarne traccia. In questo modo un passaporto rubato o smarrito è protetto da abusi. I vostri dati possono essere visualizzati soltanto tramite appositi dispositivi di lettura; tale procedura avviene in modo cifrato. Le impronte digitali sono particolarmente protette: la Svizzera autorizza l’accesso soltanto ai Paesi che dispongono di una protezione dei dati equivalente a quella svizzera. Anche altri servizi che controllano l’identità delle persone devono rispondere a tale standard.

Simbolo internazionale dei passaporti biometrici:

Simbolo internazionale dei passaporti biometrici

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 02.08.2018